PAGAMENTI ANCHE ALLA CONSEGNA - CONSEGNE IN 48 H - SODDISFATTI O RIMBORSATI

APERTI AD AGOSTO, NON ADIAMO IN FERIE!

È ATTIVA LA SEZIONE SALDI - CLICCA QUI

Seleziona una pagina

Shabby chic è una forma di interior design in cui mobili e complementi d’arredo sono scelti in base all’età e ai segni di usura o dove i nuovi oggetti sono angosciati per ottenere l’aspetto di un antico. Allo stesso tempo, un arredamento morbido, opulento, ma in stile cottage, spesso con un tocco affettato, viene enfatizzato per differenziarlo da un arredamento d’epoca.

Descrizione

Gli oggetti shabby chic sono spesso dipinti pesantemente negli anni, con molti strati che si manifestano attraverso aree ovviamente consumate dal tempo. Lo stile è imitato in finto dipinto con smalto o pittura, poi sfregando e levigando il top coat per mostrare il legno o le mani di fondo, noto come “angosciante” la finitura dei mobili. I mobili che non sono oggetti d’antiquariato genuini sono solitamente selezionati per la loro somiglianza con i vecchi stili di mobili, e possono essere mobili di riproduzione con una finitura angosciata. Possono essere aggiunti appliques di mobili elaborati raffiguranti smaglianti di fiori e ghirlande, cherubini e altri motivi.

I tessuti tendono ad essere cotoni e lenzuola, con biancheria particolarmente apprezzata, ispirata alle vecchie lenzuola francesi. I bianchi puri, così come gli ecrus e i colori pastello usurati o sbiancati sono i preferiti. Il tessuto è spesso macchiato con il tè per dargli l’aspetto di un vecchio tessuto. I termini sbiancati e sbiaditi sono spesso applicati allo stile. Motivi floreali vintage con colori pastello, motivi di cotone tinto o lino nei toni della terra, sono tutti tipici dello stile shabby chic.

Pezzi antichi come casseforti e armadietti per gelatine sono molto apprezzati nell’arredamento shabby chic. Oltre al bianco, lo stile shabby chic include anche colori neutri morbidi come il blu cielo, il rosa e il beige. I suggerimenti di un design d’interni in stile francese si manifestano spesso in case shabby chic come lampadari in stile rococò, mobili o pannelli a muro.

Arreda il tuo cottage o la tua mansarda con i copridivani Genius Biancaluna.

L’estetica shabby chic si espande anche in giardino, con gli stessi principi di design dell’uso di mobili da giardino e accessori femminili. I giardini di rose sono popolari con lo stile di arredamento shabby chic.

Altri elementi di arredamento popolari sono cuscini realizzati in tessuto vintage barkcloth, biancheria vintage, copriletti in ciniglia, lampadari vintage e qualsiasi cosa con rose nel design. Newsweek ha usato il termine per descrivere la sfilata di moda autunnale di Martin Margiela del 1992, che si è svolta in un negozio di mobili dell’Esercito della Salvezza e ha presentato modelli in “giacche rugose, pantaloni larghi e cappotti con fodere interne pendenti da orli non finiti.”

I decoratori considerano lo shabby chic uno stile morbido, rilassato e romantico che sembra comodo e invitante, ed è solitamente associato al femminile. Lo shabby chic maschile sarebbe “rustico”, con colori più profondi o più ricchi, mobili rustici con legno non finito, denim, tela ruvida, tessuto per vele e case.

Il copridivabo genius e lo stile Shabby chic

Il copridivabo genius e lo stile Shabby chic

Storia shabby chic

Lo stile è iniziato in Gran Bretagna ed evoca il tipo di decorazione che si trova nelle grandi case di campagna dove ci sono vecchi divani e tende vecchie e sbiadite, vecchie pitture e un discreto gusto “buono”. Il risultato finale di shabby chic è quello di ottenere un elegante effetto complessivo, al contrario del sentimentalmente carino Pop-Victorian. Riciclare vecchi mobili e tessuti è un aspetto importante del look ed è stato particolarmente apprezzato dai moderni bohémien e artigiani che hanno costituito un movimento controculturale fuori dagli anni ’80, quando l’arredamento di alta qualità è diventato molto di moda nelle classi medio-alte. Gli interni shabby chic originali erano generalmente considerati di per sé opere d’arte.

Lo stile si è evoluto prendendo ispirazione da molte forme di decorazione. Questi spaziano dalla decorazione dipinta svedese del XVIII secolo, al castello francese e agli American Shakers, dove semplicità e semplicità erano essenziali.

Origine del termine

Il termine fu coniato dalla rivista The World of Interiors negli anni ’80, e divenne estremamente popolare negli Stati Uniti negli anni ’90 con una certa eclettica ondata di stili decorativi con vernici ed effetti, in particolare nei centri metropolitani della costa occidentale d’America, come Los Angeles e San Francisco, con pesanti influenze provenienti da culture mediterranee come la Provenza, la Toscana e la Grecia.

Right Menu Icon